lunedì 30 aprile 2012

Dichiarazione d'amore a mia figlia: vorrei dirti che . . .

Ci sono mattine in cui non vorrei nemmeno alzarmi dal letto, l’idea di andare al lavoro mi fa alzare la bile a livelli indecenti, il tempo grigio fuori non aiuta, la temperatura fredda e umida consiglia vivamente di rimanere sotto il piumino.

La sveglia mi scuote, mi incita ad aprire gli occhi a guardare il mondo come deve essere visto sempre . . .

Mi giro nel letto e so che troverò la tua manina appoggiata sul cuscino. Papà ti ha già portata nel lettone per farti svegliare dolcemente. Allora metto da una parte tutto il grigio e mi concentro sul momento in cui apri i tuoi meravigliosi occhioni marroni, la tua bocca si allarga in un sorriso e la tua vocina trilla in un “Ciao mamma” . . . così pieno di sonno eppure per me carica ed energia pura per tutta la giornata!

Le ore passano, si susseguono gl’impegni, le corse, le commissioni ma poi riusciamo finalmente ad esser nuovamente insieme.

Il tempo in cui siamo sole io e te non sempre è sfruttato come vorrei . . . Spesso le faccende, i lavoretti, ecc . . . mi distraggono da quello che siamo.

Vorrei dirti che ti ho desiderata tanto, che ho sognato di poterti stringere, di poterti crescere, di poterti accompagnare sulla strada della vita . . .

La sera però prima di addormentarmi penso al resoconto della giornata, al fatto che tu magari hai fatto capricci che io ho perso la pazienza e ho, magari alzato la voce, al fatto che tu pretendi più attenzioni e che io magari, assorbita da mille cose, non sempre riesco a darti tutto ciò che vorrei. A volte mi sento inadeguata . . . tu sei piena d’energia, hai un carattere forte che spesso necessita di essere arginato. Vorrei poter colloquiare con te, spiegarti milioni di cose, confrontarmi per sapere il tuo pensiero, per capire dove si potrebbe migliorare . . .

Quei tuoi occhi così profondi, quella tua altezza così esagerata, quella tua parlantina sciolta a volte ci fanno dimenticare che hai solo 4 anni . . .



Vorrei dirti che sono orgogliosa di te, perché hai superato con forza tanti momenti duri della tua breve vita;

Vorrei dirti che, non smetterò mai di ripeterti che ti voglio bene anche se qualche volta mi fai arrabbiare e che per te io ci sarò sempre;

Vorrei dirti che m’impegno sempre per essere una mamma migliore anche se a volte il solo impegno non basta;

Vorrei dirti che sei una delle “cose” più preziose che ho e che ti custodisco sempre nel mio cuore;

Vorrei dirti che il tuo sorriso, le tue parole e i tuo occhi sono uno dei regali più belli della mia vita . . .

Spesso però di tutto questo non riesco a dirti nulla, ti stringo forte a me e approfitto di quell’attimo di silenzio che c’è tra noi mentre per qualche istante ti sciogli tra le mia braccia mentre mi permetti di coccolarti un po’ . . .

Ti voglio bene, sono orgogliosa di te per tutto quello che impari ogni giorno che sia io a insegnartelo o la tua caparbietà, vederti crescere è un dono stupendo e io me lo sto godendo appieno.

Ricorda “Scricciolo” che sarò sempre qui vicino a te, per sostenerti, per aiutarti o semplicemente per dirti che ti voglio bene.

Purtroppo e per fortuna sono una mamma, quindi umana, sbaglio . . . per certo sbaglio . . . sappi però che lo faccio nella speranza di fare al meglio.

Quando sarai grande mi auguro che capirai che ti ho dato tutto l’amore che ho, sperando che per te sia stato sufficiente.

P.s.: grazie a chi è arrivato fino in fondo ma avevo bisogno che questa mia dichiarazione d’amore ci fosse tutta intera, perché spero che un giorno lei possa leggerla ed emozionarsi così come io ho fatto a scriverla.

giovedì 26 aprile 2012

Case, casette, home, salt box houses . . . insomma come volete chiamarle!

Anzitutto vorrei regalarvi una filastrocca che inventato in questi giorni, nella speranza di esorcizzare il maltempo, facendo così ritornare il sole e il caldo.



Primavera Primavera
Arriva da mattina a sera

Caccia via questo tempo cattivo

E dacci il sole che è più giulivo

Regalaci caldo e cieli blu

Che di sto maltempo non se ne può più!!!!
Forse, e dico forse, se lo diciamo tutti insieme riusciamo a scuotere l’Italia e a soffiare vai queste nuvole gonfie di grigiume e di pioggia!!!!

Detto questo procedo con il mostrarvi un altro lavoretto che avevo preparato per i mercatini e devo dire che è andato a ruba, forse nemmeno tanto per il disegno dipinto in quanto per l’idea.

Ecco qui le mie casette dipinte su dei pezzi di legno ( grandi circa 10cm x 10cm), il disegno l’ho, come al mio solito visto in rete parecchio tempo fa senza prendere nota di dove e quindi mi scuso nuovamente ma prima di Pinterest ero veramente disorganizzata e disordinata ( bhè, quello lo sono ancora ;oP ).

Queste sono solo alcune, non le ho nemmeno fotografate tutte

L’idea a mio avviso carina, e che è piaciuta parecchio, è che nella parte di prato, lì al momento personalizzavo all’acquirente la targhetta con il nome della famiglia piuttosto che quello proprio. Tanto che così la targhetta in questione può essere appesa fuori dalla porta dell’appartamento o su quella della stanzetta dei bambini.

Le ho vendute quasi tutte, credo anche perché si possono pensare per un regalo personalizzato.

L’alternativa che ho proposto è che nel verde del prato ci ho messo dei gancetti per appendere le chiavi o le presine o gli strofinacci.

Sono contenta perché questa realizzazione è piaciuta parecchio, anche così come semplice quadretto.

Un abbraccio a tutti e alla prossima.

lunedì 23 aprile 2012

Pinterest, risorsa inesauribile d’idee: Ghirlanda grezza con iuta

Vi avevo promesso una carrellata dei lavori che avevo preparato per la casetta di Pasquissima ma non posso mica fare un post e piazzarvi mille foto in una volta o fare post kilometrici come quello precedente, approposito, grazie a chi è arrivato fino in fondo, si meriterebbe davvero un caffè di ringraziamento!

Promesso che questa volta cerchèrò di essere più stringata senza tediarvi con le mie lungaggini!!!

Quindi via con la foto di una delle tante ghirlande che ho preparato.




E’ stata costruita completamente da zero, base della ghirlanda compresa che ho intrecciato con l’aiuto immancabile del mio papi, che sotto “minaccia” si è gentilmente offerto di aiutarmi a prepararne un po’ . . . ah aha h ahahaha!!!

L’idea non è mia, lungi da me dall’essere così creativa ma, come dice in maniera esaustiva il titolo, Pinterest è una risorsa formidabile e così posso anche mettere i dovuti collegamenti: qui l’originale.

Ringrazio quindi tantissimo chi ha postato sta meraviglia, che naturalmente nulla ha di che temere dalla mia blanda imitazione, ma si sa . . . si fa quel che si può!!!

Abbraccio gigante a tutti e buona settimana!

giovedì 19 aprile 2012

Primavera, come averla sempre in casa: pattern di Jemie Mills Price

Buongiorno a tutti. La scorsa settimana il tempo, almeno da noi, ci ha fatto ricordare davvero che le stagioni sono diventate inesistenti. Dopo un inverno molto mite e praticamente senza pioggia e men che meno neve, cosa assai disastrosa qui da noi visto che è una fonte si sostentamento, il turismo si sa, crisi o no, qui da noi da da mangiare a tanti e quindi senza neve cosa ci si viene a fare in Trentino???? E’ vero abbiamo altre mille belle cose da vedere, oltre ai famosissimi Mercatini di Natale ( che comunque senza neve rendono la metà) e alle piste da sci, ma, io personalmente, verrei a vederle con la bella stagione e non dovendo sorbirmi mani e piedi congelati . . . Quindi adesso dovrebbe essere la giusta stagione . . . distese di meli e ciliegi in fiore, cieli azzurri e tersi, temperature miti, profumi nell’aria di lillà e glicini che spuntano colorati in ogni dove . . . invece NO!!!!! Qui candida si è presentata la neve, sono partiti gl’impianti antigelo per salvare produzioni intere di frutta perché le temperature sono precipitate sotto lo zero e la pioggia, a quote poi nemmeno così basse, ha persistito più di una settimana . . . Bhè cerchiamo di trovare il lato positivo: almeno, forse, abbiamo rimpinguato le riserve idriche, visto che eravamo orami agli sgoccioli!

Tutto questo preambolo sul tempo per mostrarvi il primo lavoro che avevo preparato per Pasquissima: questo pezzo di Primavera da tenere sempre in casa.

Jamie Mills Price Stile

Avevo visto la foto in rete parecchio tempo fa, erano tre pannellini separati, io invece li ho dipinti su una vecchissima “scandola” recuperata. Quindi chiedo scusa se non cito la fonte della foto ma prima dell’avvento di Pinterest mica ero così ordinata e quindi non ho scritto chi è l’autrice, se qualcuno dovesse riconoscere la foto mi lasci un commento che provvederò a renderne i dovuti meriti.

Ah . . . siete ancora fermi a leggere “scandola” e a cercare di capire cos’è???? Giusto, ve lo spiego brevemente. La scandola è un pezzo di legno di larice tagliato a mano con una particolare accetta. Ha una dimensione di circa 50x15 cm e uno spessore che varia dall’1.5 ai 3 cm . . . Le usavano tantissimi anni fa qui da noi in trentino, in alcune valli in più di altre ( e per certo posso dire: sicuramente in Valle dei Mocheni qui  e qui  delucidazioni ), al posto delle tegole sui tetti. Opportunamente sovrapposte e fermate poi con un legno orizzontale bloccato con dei grandi sassi completavano la copertura dei tetti delle case. Visto che noi abbiamo ristrutturato la baita e che il tetto ora è di tegole classiche ci siamo ritrovati nel fienile un sacco di queste vecchie assi, che ho ben pensato di ridare nuova vita a un pezzettino di storia. Qui trovate molte informazioni sulla cultura della Valle dei Mocheni e su una bellissima ricostruzione di un vecchio maso, scandole comprese . . .:
Ahhh . . . naturalmente fatemi sapere se passate dalle mie parti, che magari ci s’incontra per un caffè, o un thè, io lo preferisco!!!

Abbraccio a tutti!!!

lunedì 16 aprile 2012

Rovereto Città Fiorita 2012

Ciao a tutti!
Passato un bel we??? Io, pioggia a parte, sì . . . Mi sono goduta appieno la mia famiglia e ieri pomeriggio ho passato un po di tempo con il mio maritino e il nostro piccolo Tornado in baita!
E' rilassante andare a goderci la nostra casetta in montagna anche se, non sempre andiamo lì per riposare. Come oggi pomeriggio, per esempio, visto che abbiamo combattuto, e miseramente perso, contro il montaggio di una tenda velux . . . accidenti!!!!
Detto questo però vi racconto brevemente cosa combinerò domenica 22 aprile 2012: mi sono iscritta ad un altro mercatino, sono stoica . . . voglio riprovarci!!!!
A Rovereto si svolgerà una manifestazione a cui, purtroppo, non ho mai partecipato e quindi non posso preannunciarvi nulla di particolare.
Questo evento si chiama "Rovereto Città Fiorita". Qui vi lascio la locandina con il programma.


So che ci saranno tantissimi espositori di fiori ( ma va . . .) e poi uno spazio dedicato agli Hobbysti!!! Ecco qui ci sarò anche io . . . quindi . . .
Passate a trovarmi se volete fare un tuffo nelle primavera tra piante, fiori e lavoretti artigianali!!!
Un abbraccio grande a tutti e alla prossima con i post dedicati.


mercoledì 11 aprile 2012

Pasquissima 2012: 1 di . . .


Ciao a tutti . . . Eccomi qui con il resoconto promesso della mia prima esperienza di “mercatino” . . . Premetto che ero partita con aspettative molto alte, al contrario di quello che mi caratterizza di solito, mi sono lasciata trasportare dall’entusiasmo, probabilmente condividere il tutto con Gloria mi ha eccitata ancora di più e così quando alla fine dei tre giorni i guadagni non son stati come speravo, un po mi son abbacchiata. Poi però ho lasciato sedimentare il tutto per una notte e mentre mi rigiravo nel letto pensavo all’esperienza appena vissuta.
Il mio riassunto è questo:
Ho passato tre giorni all’aria aperta, in una casetta dolcissima e tutta addobbata dei lavoretti fatti da me e  Gloria, sfoggiando quello che siamo riuscite a produrre in meno di un mese, il tempo non è stato dei migliori ma almeno la pioggia ci ha graziato, avevamo una vicina di casetta di una dolcezza infinita, ho parlato con tantissime persone, molte cortesi alcune invece proprio per niente, i miei lavoretti son stati spesso apprezzati. Ma come ho letto da alcuni di voi non sempre capiti fino in fondo con il prezzo. Infatti anche per cifre spesso non impegnative la gente chiedeva lo sconto . . . ma di che??? Le ore che io c’ho messo a farle non si possono nemmeno conteggiare ma diamine almeno il materiale . . . no??? Comunque mi sono messa davanti ad una sfida e sono contenta di averci provato. Ammetto d’aver valutato malissimo l’attuale situazione economica in cui versano le persone, non si spende più per nulla, a fatica si comprano le cose necessarie, figuriamoci il superfluo e così anche se i miei lavori piacevano, e si vedeva, mi son accorta che spesso la gente proprio non se li poteva permettere. Però è stato bellissimo essere sostenuta appieno da mio marito e dalla mia famiglia, da tutti i miei amici e parenti. Riuscire a colloquiare con tantissime persone di qualsiasi cosa è stata un’esperienza che mi ha comunque arricchito e questo primo mercatino mi ha insegnato molto. Ho capito quali sono le cose che più piacciono, quello di cui si può parlare con le persone, quelle invece che io avrei pensato che sarebbero andate a ruba e invece non ha voluto nessuno . . . E’ stupendo leggere negli occhi della gente che passa l’interesse o l’assoluta noia . . . mi è piaciuto tantissimo questo aspetto.
Qui vi mostro la foto della nostra casetta tutta bella addobbata e dentro la mia socia tutta indaffarata nelle ultime sistemazioni.



Qui invece alcune foto degli spettacoli che hanno fatto durante le tre giornate.



Invece siete pronti  . . . nei prossimi giorni vi sommergerò di post mostrandovi le foto di tutti i lavori che avevo preparato.

Abbraccio grande a tutti e grazie a chi è passato a trovarmi e mi spiace per chi non è venuto . .  si è perso una bella manifestazione e  . . . un sorriso, che non ho mai fatto mancare a nessuno.

lunedì 2 aprile 2012

Swap di Pasqua

Ecco che nella mia barra laterale del blog, in quella dei blog che seguo, un giorno appare la scritta SWAP di Pasqua da “Con il cuore e le mani” così curiosa vado a vedere.


Molte volte son stata tentata di partecipare ma per timore che le cose che faccio non siano all’altezza o per il poco tempo non mi sono mai buttata, poi leggendo invece questo post mi son detta . . . perché no???

Nessuna regola, quindi il biglietto d’auguri poteva essere anche una semplice cartolina del paese in cui si vive o un biglietto d’augurio acquistato, e poi i numeri per lo scambio erano decisamente ridotti: 2-3 persone.

Dal blog di Con il cuore e con le mani

Così ho scritto una mail alla gentilissima Linda che la scorsa settimana mi ha mandato gl’indirizzi delle mie abbinate e già venerdì le mie buste sono partite alla volta delle loro destinatarie.

In realtà il lavoretto è stato semplicissimo, ho fatto un biglietto d’auguri digitale e poi l’ho stampato su cartoncino. In allegato però, nella busta, ci ho messo anche un segnalibro personalizzato con il nome della mia abbinata. Mi sono divertita però a far diversi i due biglietti e a far opposti i segnalibri che son presi dalla base dello sfondo del biglietto . . . Mi son spiegata???? Quindi attenzione alla bussola . . . i mieie auguri son in arrivo!!!!

No??? Bhè, appena le buste saranno giunte a destinazione vi farò vedere la foto!!!

Prima di salutarvi aggiungo solo che sono in grande fermento per l’iniziativa di Pasquissima ( qui il post dedicato) e che la mia Craft Kitchen (come l’ha giustamente battezzata la mia amica Francesca) è in subbuglio e in piena attività.

Intanto un abbraccio forte a tutti e . . . a presto!